ACCADEMIA SCACCHISTICA CREMONESE






sito ospitato da
link esterno al portale e-cremona





rassegna stampa

questa pagina č stata aggiornata il



Articolo

Scacchi, serie B. Divisione della posta nel primo turno
In paritā il derby Cremona-Crema

Divisione equa della posta in palio tra Cremona e Crema nel primo turno del Campionato Italiano di scacchi di serie B. l'incontro, previsto sulle quattro scacchiere, si č disputato domenica scorsa presso la sede dell'Accademia scacchistica cremonese a Palazzo Cattaneo. Gli incontri del 2003 tra ASC e il 'Cittā di Crema' erano risultati a senso unico, con Crema che si era imposto nel primo per 3-1 e Cremona che aveva dominato il secondo per 3,5-0,5.

Il risultato di paritā conseguito stavolta non deve dare l'impressione dell'equilibrio, gli scacchi sono pur sempre una disciplina individuale, in cui il risultato di squadra altro non č che la sommatoria delle singole scacchiere. E infatti equilibrio non c'č stato sui campi di battaglia a 64 caselle: in quarta scacchiera Adriano Gilardone pretendeva troppo dalla propria posizione, guadagnava un pedone ma esponeva mortalmente la Regina e doveva arrendersi a Roberto Masotti; in seconda scacchiera Franco Romagnoli dell'Accademia non dava scampo al pur bravo Mario Vecchia (recentemente promosso Candidato Maestro) vincendo in sole 23 mosse; in terza Rosolino Tonghini sfruttava appieno una posizione di netto vantaggio posizionale (acquisito pur giocando con i neri), guadagnando Torre e partita con Samuele Festa. In vantaggio per 2-1 i cremonesi attendevano trepidanti l'esito del confronto in prima scacchiera tra i due Candidati Maestri, Bini dell'Accademia e Mastrorilli. La partita era l'unica a protrarsi ben oltre le quattro ore di gioco, la posizione era equilibrata e il risultato pių probabile sembrava essere la divisione del punto, ma Bini sceglieva una continuazione aggressiva e, purtroppo per i cremonesi, rischiosa. Mastrorilli ancora una volta (la medesima cosa era avvenuta nell'incontro di Campionato dello scorso anno, stessi protagonisti, stesso andamento, stesso risultato) non si scomponeva, giocava con precisione il finale e riportava una vittoria decisiva per il pareggio. Quindi 2-2, ma nulla č perduto per le velleitā di promozione delle nostre squadre, alla luce anche dei risultati delle altre partite del girone. La favorita Bergamo (con quattro Maestri, vincitrice del Trofeo a squadre, disputatosi proprio a Palazzo Cattaneo nella primavera scorsa) č stata subito battuta nell'altro derby in programma: 2,5-1,5 contro l'Excelsior di Bergamo. Nell'altra partita del girone, divisione dei punti tra Judiclub Milano e Piacenza. Il prossimo turno, previsto per il 7 marzo, vedrā l'Accademia ancora in casa contro lo Judiclub, anche Crema potrā lottare tra le mura amiche contro la Scacchistica BG, mentre PIacenza e Excelsior concluderanno le partite in programma.

Articolo pubblicato su La Provincia sabato 21 febbraio 2004.