ACCADEMIA SCACCHISTICA CREMONESE






sito ospitato da
link esterno al portale e-cremona





rassegna stampa

questa pagina è stata aggiornata il



Articolo


Scacchi: in evidenza a Piacenza i giovani Zapparrata e Barbisotti

Ancora un podio per lo scacchismo giovanile cremonese. Giacomo Zapparrata, classe 1992 ha ottenuto il terzo posto nel torneo giovanile di Piacenza che si è disputato nei giorni scorsi. Giacomo fa parte dell'ultima "nidiata" di scacchisti, scaturita dalla Scuola di Scacchi dell'Accademia scacchistica cremonese. La nuova generazione sta dando particolari soddisfazioni ai responsabili dell'Accademia e Zapparrata non ha voluto essere da meno, dopo i brillanti risultato conseguiti alla fine di ottobre, sempre a Piacenza, da Cattadori e Stella. Giacomo ha ottenuto 4 vittorie nelle cinque partite disputate, risultato che gli ha permesso di giungere terzo in classifica assoluta, dietro a Simone Solenghi di Piacenza (a punteggio pieno) e a Helaman De Angelis di Asola (anche lui a 4 punti, ma secondo per spareggio tecnico). Zapparrata ha messo in mostra una notevole combattività, ribaltando più volte situazioni difficili: la grinta di sicuro non gli manca, ma sono le doti tecniche che più colpiscono, in particolare la sua capacità di analisi, veramente sviluppata se rapportata alla giovanissima età.
Da segnalare anche la partecipazione di un altro giovane cremonese, Fabio Barbisotti, che ha concluso con 3 su 5, terminando ottavo in classifica: Fabio, tutto istinto e calcolo rapidissimo, ha un approccio al gioco completamente diverso da quello di Giacomo, ma il talento è indubbio.
Per quanto riguarda i prossimi appuntamenti della Scuola di Scacchi dell'Accademia, i corsi riprenderanno a fine gennaio, sempre presso Palazzo Cattaneo in via Oscasali 3. Due le novità in programma: sarà attivato anche un corso serale per adulti principianti e a febbraio, dopo quasi un anno di pausa dovuta alle difficoltà di trovare una sede idonea alle competizioni, riprenderanno i tornei giovanili.

Articolo pubblicato su La Provincia mercoledì 31 dicembre 2003.